Home » O.S.S.C.B.S. » CHI SIAMO

CHI SIAMO

 

 

ORDO SANCTI SEPULCHRI dei CAVALIERI BIANCHI DI SEBORGA
Antico e Venerabile Ordine del Principato di Seborga.

L’OSSCBS è un’Associazione costituita in forma giuridica di Confraternita, regolarmente registrata presso le istituzioni competenti.
L’Ordine è totalmente indipendente e sovrano, non persegue fini di lucro. Opera per il conseguimento degli scopi associativi e intende recuperare lo spirito religioso degli antichi Ordini Cavallereschi, operando con iniziative di alto valore sociale, filantropico, storico, filologico.
Principalmente svolge ogni attività culturali e umanistiche, favorendo lo studio, il recupero e l’organizzazione di antiche sedi di Ordini Cavallereschi, di antichi pellegrinaggi o di ogni luogo di culto che sia l’espressione della ritualità, della tradizione e della devozione cristiana.
L’Ordine si ispira alla scelta di quelle particolari attività solidali e condivise, che furono sviluppate nella Regola scritta da San Bernardo di Chiaravalle per la Paupera Militia Christi, dando concretezza ad ogni forma organizzata per il mutuo sostegno ai Confratelli e all’Ordine.
Giorgio 1°, Principe di Seborga, sottolineava come il Principato Abbaziale di Seborga nei secoli, seppur così piccolo, avesse avuto un ruolo così importante nella storia d’Europa. Le aspirazioni dell’Ordine nascono dalla volontà di ricercare, studiare e promuovere la storia dei Cavalieri – originatisi dalla Paupera Militia Christi osservante la Regola di San Bernardo di Chiaravalle – che in Seborga ebbero principio con Hugues de Payns (per la difesa del Grande Segreto) che, in compagnia di alcuni Cavalieri e del Gran Maestro cataro Johann de Usson, fondò l’Ordine del Santo Sepolcro (OSS).
L’Ordine si propone di onorare, sostenere, diffondere ogni aspetto sviluppato nei secoli dal Principato Abbaziale che, unitamente ai Cavalieri stessi, gli diedero dignità, valore sacrale e valore storicamente rilevante. L’Ordine è costituito da individui i quali fanno propri i principi contenuti nell’attuale Regola. I Confratelli devono essere soggetti di comprovata fede, i quali dovranno impegnarsi a salvaguardare e proteggere i principi della Cristianità così come la sacralità di Seborga.
Previa domanda di ammissione, possono aderire all’Ordine coloro i quali abbiano già raggiunto la maggiore età che poi saranno accolti a condividere i valori e le finalità dell’Ordine.
La Regola colloca e ordina ogni categoria di Confratelli. I Confratelli hanno il diritto di partecipare alle Assemblee chiamate Capitoli Generali, votare direttamente o per delega, conoscere i programmi e le disposizioni deliberate, partecipare alle attività, proporre attività utili e potranno recedere dall’Ordine in qualsiasi momento. Gli obblighi per i Confratelli sono di osservare quanto previsto dallo Statuto, la Regola e le deliberazioni adottate dagli organi preposti.
I Confratelli devono mantenere un comportamento essere assolutamente conforme alle finalità dell’OSSCBS e della Regola, rispettoso della gerarchia dell’Ordine e disponibile a condividere e partecipare il perseguimento degli scopi dell’Ordine stesso seguendone il programma e le attività. Deve essere  mantenuto un rigoroso atteggiamento conforme alla morale cristiana, ai suoi precetti, con particolare attenzione a tutte le attività di assistenza, mutuo aiuto, misericordia, solidarietà sociale e religiosa.
All’OSSCBS non potranno aderire soggetti già aderenti a Ordini Cavallereschi riconducibili alla Regola della De Laude Novae Militiae ad Milites Templi di San Bernardo di Chiaravalle, o per definizione Templari, e soggetti i cui principi etici, morali, ideologici e religiosi fossero in contrasto con quanto riportato nella Regola stessa.
La quota annua associativa è stabilita ogni anno dal Capitolo Generale.
L’Ordine è sovrano nelle proprie decisioni e non ha territorialità.
L’attuale OSSCBS, per articolate e diverse vicende si dichiara, per tradizione storica, erede dall’originario Ordo Sancti Sepulchri fondato da San Bernardo di Chiaravalle. L’Ordo Sancti Sepulchri dei Cavalieri Bianchi di Seborga è posto nelle more del diritto giuridico.
I Cavalieri Bianchi, per nome e di fatto e in virtù di una incontestabile storia, sono legati nei secoli al Principato Abbaziale di Seborga.
L’OSSCBS, pur essendo totalmente indipendente, identifica la sua naturale e ideale sede in Seborga riconoscendone la tradizione storica sviluppatasi nei secoli quale Principato Abbaziale del quale riconosce gli Ordinamenti e le sue Istituzioni.
I simboli in uso nella storia dell’Ordine, come da tradizione secolare, sono:
– la Croce Rossa Patente su fondo bianco;
– l’Agnello in posizione eretta, con il capo rivolto fieramente all’indietro, che regge con lo zoccolo anteriore il vessillo crociato.
L’OSSCBS, in seguito agli attuali avvenimenti, ha aggiunto sopra la Croce Rossa Patente lo Stemma del Principato di Seborga adottato nel 1814.
I Simboli e i loghi adottati, potranno essere aggiunti o tolti previa delibera dell’autorità preposta dell’Ordine.
Il Motto dell’Ordine, già in uso agli antichi Cavalieri Templari, è “Non Nobis Domine, non Nobis, sed Nomini Tuo da Gloriam”, ovvero “Non a Noi Signore, Non a Noi, ma al Tuo Nome da Gloria”.
Gli organi sociali sono:
– il Capitolo Generale, Assemblea Generale di tutti gli iscritti;
– il Gran Consiglio, presieduto dal Gran Priore;
– il Priorato Generale, composto dall’Assemblea dei Priori e da un eletto Sommo Consiglio dei Priori;
– le Priorie.
Le Priorie sono riconosciute nello Statuto all’Art.19 tra gli organi sociali dell’OSSCBS e agiscono secondo Statuto e Regola.
Cariche, Titoli, Onorificenze e Gradi sono deliberati con le formalità stabilite nella Regola e in conformità delle vigenti Leggi dello Stato italiano.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi